Era un bel po’ di tempo che volevo scrivere questa guida. La Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola è una delle mie preferite e in questa guida ti dirò il perché!

Lo sai che nasconde due capolavori unici della storia dell’arte?
Sai che è una chiesa poco visitata?

Strano ma vero! La Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola ha pochi turisti considerando la sua posizione. Perché succede? Si trova in una delle vie di passaggio per raggiungere Via del Corso o il Pantheon e all’apparenza sembra una chiesa come le altre. Sappiamo benissimo che Roma è una città che ha tantissime chiese, molte delle quali sono ignorate dalla maggior parte dei turisti. Questo perché se dovessero decidere di visitare ogni chiesa presente sulla loro strada, non basterebbe un mese per vedere tutte quelle di Roma!

L’apparenza inganna e questo lo sappiamo, ci sono tantissime chiese a Roma che nascondono unicità e bellezza al tempo stesso, come in nessun altro posto al mondo. Tra queste chiese spicca proprio quella di Sant’Ignazio di Loyola, una perla per chiunque decida di visitarla. Se conosci i suoi segreti e la visiti, sei felice di rivederla un’altra volta. Se non la conosci e ci entri per caso, allora tutto cambia. Sicuramente rimani senza parole nel vedere gli affreschi unici che puoi trovare al suo interno e adesso ti dirò il motivo per cui ne parlo così bene 🙂

Parliamo di una chiesa del barocco, una delle più belle di Roma. Ti piacciono i giochi di prospettiva? Bene, qui puoi trovare dei capolavori che giocano proprio su questo. Andrea Pozzo è l’autore di questi capolavori, uno degli artisti più influenti della sua epoca. Nella sua vita è riuscito a creare effetti ottici unici nel loro genere, puntando molto sulla tridimensionalità dei suoi affreschi. Ad esempio, nella Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola puoi vedere una finta cupola. Mica male no?

Le illusioni ottiche

La Gloria di Sant’Ignazio

Il primo affresco di cui voglio parlarti è La Gloria di Sant’Ignazio! Si tratta di uno dei migliori capolavori d’arte che puoi trovare a Roma, una perla di Andrea Pozzo. Per quanto mi riguarda, resta uno dei miei preferiti in assoluto. Come puoi vedere nella foto in alto, l’affresco raffigurato sulla volta gioca sulla prospettiva per dare l’impressione al turista che il tetto non abbia una fine. Ora capisci perché ti consiglio di vedere questa chiesa!

Non a caso, l’affresco rientra tra i migliori capolavori del Barocco. L’opera rappresenta Cristo che dona la luce a Sant’Ignazio, quest’ultimo viene circondato da angeli e da quattro figure che rappresentano i continenti conosciuti nell’epoca della realizzazione di questo capolavoro. Un consiglio che posso darti è di posizionarti al centro della chiesa per poi attraversare tutta la navata con la testa rivolta all’insù per vedere come cambia l’affresco a seconda della posizione in cui sei. Per quanto mi riguarda, questa è un’esperienza che Roma ti regala e che devi assolutamente fare 🙂

Ho creato una pagina dove puoi prenotare i biglietti dei principali musei e monumenti di Roma e del Vaticano!
La trovi qui! 😉

La Finta Cupola

Un altro capolavoro di Andrea Pozzo per cui vale la pena vedere questa chiesa è la Finta Cupola! Si tratta di un affresco che, come puoi ben intuire dal nome, crea una cupola giocando con la prospettiva. Questo dà l’impressione al turista che ci sia una cupola che nella realtà non esiste. Unendo questo affresco con quello della Gloria di Sant’Ignazio, Andrea Pozzo riesce a creare un quadro unico al mondo nel pieno centro di Roma!

Devi sapere che all’inizio della navata esiste uno specchio che i visitatori possono usare per specchiarsi con i due affreschi alle proprie spalle. Se vuoi fare una foto originale, questo è il posto giusto. Da questa posizione, la prospettiva gioca un ruolo chiave e sia la Finta Cupola che la Gloria di Sant’Ignazio sembrano uscire dal tetto della chiesa. Anche in questo caso ti consiglio di attraversare tutta la navata con la testa all’insù per fissare la Finta Cupola. Facendo questo movimento riesci a percepire il cambiamento dell’affresco dai diversi punti della chiesa 😉

Ricorda che Roma è una città che offre tantissimo dal punto di vista artistico. Per questo ti consiglio di vedere anche i Musei Vaticani! Se ti interessa, ho scritto questa guida che può fare al caso tuo.


Perché devi vederla

Devi vedere questa chiesa perché Andrea Pozzo riesce a regalare un momento perfetto a chiunque decida di visitare questo luogo unico di Roma. Con La Gloria di Sant’Ignazio e con La finta cupola riesce a catturare l’attenzione del turista che rimane stupito difronte a tutta questa bellezza. Se ti piace Roma, se ti piace l’arte e se vuoi vedere luoghi unici, questa è la chiesa che fa per te. Se il tuo scopo è stupire qualcun*, devi assolutamente portare qui quella persona. Consiglio di visitarla soprattutto se vuoi fare qualcosa di particolare con la tua dolce metà!

I dipinti di questa chiesa sembrano uscire dal soffitto, come se fossero stati realizzati su tre dimensioni. La sua navata è lunga più di 80 metri e ha sei cappelle ai suoi lati, questo ti fa capire anche quanto sia grande la chiesa. Inoltre puoi cogliere l’occasione per visitare alcune delle mete più gettonate di Roma dato che si trovano a pochi passi. Via del Corso, il Pantheon e Piazza Navona sono nelle vicinanze e per questo ti consiglio di approfittarne 🙂


Come arrivare

Puoi arrivare alla Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola:

  • Da Via del Corso prendendo Via del Caravita (non lontana da Piazza Venezia)
  • Dal Pantheon prendendo Via del Seminario

Su ogni guida che scrivo lascio sempre una mappa che indica tutte le tappe che elenco. In questo caso ho segnato in rosso quella della Chiesa di Sant’Ignazio e in verde le tappe vicine che secondo me dovresti fare 🙂


Altri giochi di prospettiva

Via Piccolomini

Prima di chiudere questa guida, voglio parlarti di due dei luoghi più belli di Roma che nascondono giochi di prospettiva unici! Il primo è quello di Via Piccolomini, si trova a pochi passi da Villa Pamphilj e ti permette di vedere un effetto ottico che ha come protagonista la Cupola di San Pietro. La via è lunga abbastanza da riuscire a vedere il cupolone da qualsiasi punto. La cosa particolare è che dall’estremo della via più vicino alla basilica, la cupola risulta molto lontana e piccola. Se ti posizioni sull’altro estremo (quello più lontano), la cupola sembrerà molto più grande, come se si fosse avvicinata!

Ricapitolando, più ti allontani dalla cupola e più questa sembra essere vicina. La foto in alto rende benissimo l’idea. Non a caso, questa è una via molto famosa a Roma perché è capace di catturare qualsiasi persona passi di qui. Puoi decidere di venirci a piedi o in macchina. Con la seconda opzione, puoi percepire al meglio l’effetto della prospettiva dato che puoi impiegare meno tempo a percorrere tutta la via. Nel caso tu sia a piedi, ti consiglio di camminare da un estremo all’altro della via, tenendo gli occhi fissi sulla basilica per percepire l’effetto 😉

Da romano devo assolutamente consigliarti di passeggiare nella vicinissima Villa Pamphilj, uno dei parchi più grandi di Roma. Se hai dei bambini, devi assolutamente passare di qui!

Ti piacerebbe vedere la Cupola di San Pietro? Se si, valuta questa esperienza!
👇🏻

Le colonne del Bernini

Il secondo gioco di prospettiva di cui voglio parlarti si trova in una delle piazze più famose del mondo e non tutti lo conoscono! Siamo a Piazza San Pietro, le colonne del Bernini rendono questa piazza una delle più belle che ci siano a Roma e nel mondo in generale. Tutti conoscono questo luogo e abbiamo la fortuna di averlo in una città come Roma. Ma parliamo del gioco di prospettiva!

Posizionandoti in un punto preciso della piazza, hai l’occasione di vedere qualcosa di unico. Le colonne sono state create su due diverse file. Da qualsiasi punto puoi vederle benissimo ma, posizionandoti a due passi dall’obelisco al centro della piazza, la seconda fila di colonne sparisce. Questo succede perché la fila di colonne interna alla piazza è in una posizione perfetta per nascondere tutte quelle che si affacciano all’esterno. La foto in alto rende l’idea, le colonne che vedi nascondono quelle che sono alle loro spalle. Sicuramente un motivo in più per visitare la Piazza San Pietro 😉

Se vuoi scoprire e visitare le bellezze del Vaticano, puoi leggere questa mia guida dove elenco tutte le tappe che dovresti fare!


Altre chiese da vedere

Se ti piacciono le chiese di Roma, guarda queste guide che ho scritto:


Fine!

Si conclude così il nostro viaggio nella chiesa di Sant’Ignazio. Io amo questo luogo unico di Roma e per questo ho voluto dedicargli una guida! Io sono Michele ed ho creato questo blog per aiutare romani e turisti a visitare questa città unica al mondo. Di chiese belle da vedere a Roma ce ne sono tantissime e tutte nascondono la loro storia, non basterebbe una guida per poterle elencare tutte! Se vuoi sapere quali preferisco, leggi la questa guida 🙂

Puoi leggere tutte le mie guide sfruttando il menu del sito o andando nella sezione Cosa Vedere.

Chiudo lasciandoti un form dove puoi iscriverti a Rome Is Love e ricevere il mio ebook gratuito dove parlo delle tappe che secondo me dovresti assolutamente fare a Roma!

Ti ringrazio, alla prossima 🙂

Crediti immagini: Unsplash, Pixabay

Ti ricordo che gli acquisti all’interno di questo sito o su piattaforme consigliate, sono a discrezione dell'utente. Ti invito a consultare tutte le informazioni relative ai prodotti/hotel consigliati sui siti dei rivenditori ufficiali. Le informazioni di questo sito potrebbero non essere aggiornate. Alcune attrazioni/hotel consigliate potrebbero non essere disponibili. Ti invito a consultare la pagina Disclaimer di questo sito.

Michele Bitetto

Sono un ingegnere informatico a cui piace raccontare la città di Roma, per questo ho deciso di aprire questo blog. Racconto come visitare la città, consiglio i migliori tour che puoi fare e come viverla al meglio!