Ciao! Sono Michele, il creatore di questo sito che parla di come visitare Roma e la zona del Vaticano. Ho deciso di scrivere questa guida per accompagnarti nella visita ai bellissimi Musei Vaticani, una delle raccolte d’arte più grandi del mondo, nonché tra le più belle in assoluto grazie ai suoi veri e propri tesori 🙂

Qui puoi trovare opere accumulate nel corso dei secoli da tutti i Papi in carica. Le sale percorrono tutta la storia dell’uomo, partiamo dal museo dedicato agli Antichi Egizi fino ad arrivare alle opere più vicine ai giorni nostri, veramente tanto, tanto da ammirare! Pensa che qui puoi camminare negli appartamenti papali affrescati da Raffaello e Michelangelo, per non parlare della Cappella Sistina, un capolavoro assoluto fatto di arte.

Orientarti nei Musei Vaticani non è semplice, il percorso può durare anche 3-4 ore poiché le sale e le opere da ammirare sono veramente tante. Per questo motivo ho deciso di elencarti tutto quello che per me bisogna assolutamente vedere, tutte le opere da non perdere, così puoi affrontare più facilmente il tuo tour vaticano. Ho deciso di elencartele basandomi sul percorso che seguirai, in modo tale da aiutarti a non saltare le tappe fondamentali quando sarai all’interno dei musei!

Durante la guida ti spiego anche come puoi prenotarti per visitare i Musei Vaticani!

Ti ricordo inoltre che durante il percorso puoi prendere gratuitamente la mappa che ti guiderà per tutta la visita 🙂

Cosa Vedere

1. Cortile della Pigna

Sfera all’interno della Sfera

Il tuo viaggio all’interno della storia e dell’arte comincia proprio da qui, prima tappa: Cortile della Pigna. Quando sono entrato ai Musei Vaticani, ho subito apprezzato questo cortile interno perché è veramente unico vista la sua grandezza.

Se riesci a visitare i Musei Vaticani in una giornata di sole, sicuramente sarai entusiasta nel vedere la scultura Sfera all’interno della Sfera in bronzo di Arnaldo Pomodoro. La bellezza di questa scultura sta nel meccanismo che riesce a far muovere lentamente la sfera nel caso in cui ci sia vento. Da alcune prospettive puoi riuscire a vedere questa scultura con la cupola della Basilica di San Pietro sullo sfondo. Se ti piace fotografare, questo è uno scatto davvero unico!

Mentre cammini puoi vedere su un lato del cortile la scultura in bronzo del Pignone, opera ritrovata nel medioevo nei pressi delle Terme di Agrippa e citata da Dante Alighieri nella Divina Commedia. Come puoi ben capire, il Pignone dà il nome al Cortile della Pigna!

2. Museo Gregoriano Egizio

Statua del Dio Anubi

Tappa numero due, sei all’interno di uno dei tanti musei che visiterai nel tuo tour vaticano: il Museo Gregoriano Egizio. Così, di punto in bianco, vieni catapultato in mezzo a mummie, geroglifici e papiri dell’antico Egitto. Qui puoi trovare reperti anche dell’antica Roma e di Villa Adriana (Tivoli).

Le sale di questo museo sono nove, ognuna con delle collezioni particolari. Si passa da oggetti di culto dell’antico Egitto fino alla sala che conserva alcune imitazioni di statue egizie scolpite in epoca romana ed usate nell’antichità come decorazione dei luoghi sacri di Roma. Camminando all’interno del museo rimani impressionato nel vedere dei veri sarcofagi.

La cosa che mi piace di questo primo museo è guardare i turisti affascinati da tutto ciò che vedono. Personalmente, questo museo è stata una bella scoperta poiché non mi era mai capitato di immergermi nell’era degli antichi Egizi. Tra l’altro, all’interno dei Musei Vaticani non ti aspetti di trovare un museo egizio, per questo motivo è ancora più bello essere catapultati indietro di migliaia di anni!

3. Gruppo del Laocoonte

Gruppo di Laocoonte

La prossima tappa del nostro tour è il Museo Pio Clementino. Più che una tappa, questa è una GRANDE tappa. Infatti questo museo è il complesso più grande dei Musei Vaticani poiché conta ben 12 sale che ti faranno immergere in collezioni di epoca romana e greca. Proprio qui puoi trovare il Gruppo del Laocoonte, una scultura che ricrea un episodio tratto dall’Eneide. Infatti è possibile ammirare il sacerdote troiano Laocoonte che viene assalito, insieme ai suoi figli, da dei serpenti marini. Questo accade poiché il sacerdote disse ai Troiani di non accettare il Cavallo di Legno che i greci gli avevano donato. Per questo motivo, Atena e Poseidone mandano i due serpenti marini da Laocoonte e dai suoi figli perché sappiamo benissimo che il cavallo dovrà essere usato proprio dai greci per invadere la città di Troia.

Questa scultura è importante poiché rappresenta un episodio chiave per la fondazione di Roma. L’attacco e la morte dei personaggi raffigurati nella scultura ha permesso la fuga di Enea e di conseguenza la creazione di Roma. Ti ricordo infatti che Romolo e Remo, secondo una leggenda, sono proprio discendenti di Enea. Una cosa altrettanto importante è che questa scultura è appartenuta all’imperatore Tito per poi essere ritrovata secoli e secoli dopo grazie ad uno scavo a cui assistette Michelangelo in persona.

Lo sai che i Musei Vaticani sono stati fondati nel 1506 proprio grazie al ritrovamento del Gruppo di Laocoonte? Beh, ora capisci perché è importante passare davanti a quest’opera!

Prima di passare alla prossima tappa, devi sapere che puoi trovare tutte le informazioni sulla prenotazione della visita e sugli orari di apertura dei Musei Vaticani su questa pagina!

Per quanto riguarda i tour guidati, ti consiglio di valutare quello di GetYourGuide. Trovi tutto a questo link.

4. Sala degli Animali

Cerva assalita dai Cani

All’interno del Museo Pio Clementino ci sono una serie di stanze tutte da vedere. Una di quelle che mi ha colpito in particolare è la sala IV: la Sala degli Animali. Perché devi passare di qui? Quello che hai di fronte è un vero e proprio zoo fatto di sculture di animali, protagonisti indiscussi in quest’area del museo.

Questa è sicuramente una delle zone dei Musei Vaticani che ti rimarranno più impresse. La congiunzione tra divinità e animali rende questa sala una delle più belle e uniche di tutta la tua visita. Una cosa che ho notato quando sono stato qui è che non tutti i visitatori si soffermano in questo punto, per questo motivo ho deciso di metterla in questa guida, per quanto mi riguarda vale veramente la pena soffermarsi ad ammirarla!

5. Sala delle Muse

Soffitto Sala delle Muse

Eccoci qua, tappa numero 5! Rimaniamo sempre nel Museo Pio Clementino per ammirare la Sala delle Muse, una delle sale più belle del museo. Questa stanza è originale agli occhi poiché puoi vedere una serie di statue di muse, divinità della religione greca che rappresentavano gli ideali supremi dell’arte.

Una particolarità di questa sala che salta subito agli occhi, è la pittura di rosso che possiamo trovare sulle parete ottagonale attorno a noi. Al centro della sala inoltre è possibile vedere una delle opere più importanti e antiche dei Musei Vaticani: Il Torso del Belvedere. Questa scultura in marmo risale al I secolo a.C. ed ha influenzato molto la storia dell’arte insieme all’opera Gruppo di Laocoonte vista prima. L’opera, secondo alcuni studi, raffigurerebbe Ercole al termine delle sue dodici fatiche. Altri studiosi pensano sia il personaggio di Aiace presente nell’Odissea che pensa al suo suicidio.

Ho creato una pagina dove puoi prenotare i biglietti dei principali musei e monumenti di Roma e del Vaticano!
La trovi qui! 😉

6. Statua del Nilo

Statua del Nilo

Cartina alla mano, prosegui ora il tuo cammino lungo l’ala del Braccio Nuovo. Questa zona dei Musei Vaticani ospita celebri statue, tra cui la nostra prossima opera: la Statua del Nilo. È una tappa sicuramente da non perdere, quest’opera è veramente imponente, bella da ammirare, è un capolavoro. La statua raffigura il Nilo disteso su un fianco e poggiato sulla Sfinge, richiamando fortemente l’Egitto insieme agli animali esotici presenti nell’opera.

Una curiosità di questa statua è che fu trasferita al Louvre a causa delle vittorie militari di Napoleone che obbligò lo Stato Pontificio a cedere alcune delle sue opere. Successivamente, dopo la sconfitta di Napoleone, il Vaticano ottenne la restituzione della statua del Nilo. Ti dico questo per farti capire quanta storia hai intorno a te quando cammini per i Musei Vaticani. Qui trovi opere uniche, opere che sono riuscite a resistere nei secoli, opere di un’importanza assoluta per la storia dell’arte!

7. Galleria delle Carte Geografiche

Galleria delle Carte Geografiche

Eccoci ad una tappa che mi ha colpito particolarmente: la Galleria delle Carte Geografiche. Ovviamente, di fronte alla Cappella Sistina quasi niente può competere, però questa galleria ti lascia veramente un bel ricordo dei musei, soprattutto se sei italiano. Infatti lungo le pareti di questo corridoio di 120 metri, puoi ammirare le cartine geografiche di tutte le regioni d’Italia realizzate tra il 1580 e il 1585. Ogni mappa è accompagnata dalle rappresentazioni di grandi eventi religiosi avvenuti in quella regione e rappresentati sul soffitto.

Questo fa capire come l’Italia che conosciamo oggi, per quanto riguarda la geografica e l’arte è sempre stata unita. Queste Galleria è stata costruita secoli prima dell’unità d’Italia, questo è un dettaglio molto importante per capire come la nostra nazione sia fortemente unita da centinaia di anni.

Una cosa che ti lascia un sorriso in questa galleria è osservare gli altri turisti che guardano la mappa della propria regione e si identificano in un determinato punto. Considerando che queste mappe geografiche sono state realizzate nel 1500, possiamo capire quanto fossero profonde le conoscenze sulla geografia a quei tempi! Alla fine, non esisteva internet, né Google! 😉

Qui puoi prenotarti per visitare i Musei Vaticani!
👇🏻

8. Stanze di Raffaello

Scuola di Atene – Raffaello

Entriamo nel vivo della nostra visita! Le bellissime Stanze di Raffaello. Ovunque ti giri, non puoi fare a meno di ammirare gli affreschi sulle pareti di queste quattro stanze. Come puoi ben capire dal nome, le decorazioni sono state realizzate da Raffaello e dai suoi allievi per decorare i nuovi appartamenti papali, parliamo di decorazioni realizzate tra il 1508 e il 1524.

Un affresco che non puoi assolutamente perdere è quello nella foto: la Scuola di Atene di Raffaello, realizzato agli inizi del 1500 e situato nella Stanza della Segnatura. Questo affresco evoca la sapienza umana, rappresentando le arti dell’aritmetica, della geometria, della grammatica, della musica, dell’astronomia, della retorica e della dialettica.

Per quanto mi riguarda, queste stanze sono un vero capolavoro. Quando ci cammini e ti guardi attorno, capisci quanta storia ti passa vicino. A me piace pensare che per 500 anni, tante persone come me sono passate di qui, tanti artisti, tanti papi, veramente una sensazione unica!

9. Cappella Sistina

Creazione di AdamoMichelangelo

Il cuore pulsante dei Musei Vaticani, uno spettacolo unico agli occhi, questa è la Cappella Sistina. Per tutta la visita senti il bisogno di arrivare qui e infondo lo sappiamo che la maggior parte dei turisti viene in visita ai Musei Vaticani per poter arrivare in questo posto. La cosa che mi ha lasciato senza parole è la capacità di Michelangelo, un solo uomo, nel realizzare qualcosa di così maestoso e che resterà impresso nella storia per sempre.

Nel caso in cui tu non lo sappia, qui si tiene il conclave, ogni nuovo Papa viene eletto proprio qui, circondato dai magnifici affreschi che ricoprono tutta la Cappella Sistina. Tra questi, l’affresco per eccellenza è la Creazione di Adamo di Michelangelo, il più famoso della Cappella Sistina. Quest’affresco è conosciuto in tutto il mondo ed è uno dei capolavori più celebri della storia dell’arte poiché rappresenta Dio che dona la vita ad Adamo. La parete dietro l’altare della Cappella Sistina è decorata con il Giudizio Universale di Michelangelo, un altro capolavoro che rappresenta la fine dei tempi, dove Dio giudica tutti gli uomini sulla terra per decidere se destinarli al paradiso o all’inferno.

Un consiglio che ti do è di rimanere qui per più tempo possibile ad ammirare questa meraviglia. La Cappella Sistina è un luogo unico al mondo, un luogo che ogni persona dovrebbe vedere almeno una volta nella vita poiché è qui che puoi ammirare alcune tra le opere più conosciute e celebrate al mondo. Ci sono persone che aspettano il momento di entrare qui per tutta la loro esistenza, per cui goditi questo momento perché queste immagini non te le dimenticherai mai! 🙂

Ho creato questa pagina dove ho inserito la lista dei principali ingressi relativi alla Cappella Sistina, ai Musei Vaticani e ai Giardini Vaticani. Sicuramente può tornarti utile!

10. Pinacoteca

Adamo ed Eva nel paradiso terrestre

Siamo al giro di boa della nostra visita, prossima tappa: Pinacoteca Vaticana. Quest’ala dei Musei è perfetta grazie alle condizioni di luce che rendono l’atmosfera e tutte le opere perfette. Qui puoi trovare numerosi capolavori di artisti entrati nella storia della pittura: Raffaello, Leonardo, Giotto, Tiziano e Caravaggio. Mica male no? 😉

Quest’ala dei Musei, data la sua illuminazione, fa spiccare tutti i lavori che gli artisti hanno realizzato in queste 16 Sale. Ogni sala è unica del suo genere poiché dedicata ad un particolare artista, diverso dalle altre. Se ti piace l’arte non puoi assolutamente perdere questa tappa dei Musei Vaticani. Questa raccolta è veramente unica, puoi perderti nelle opere di alcuni dei più grandi artisti di tutti i tempi, sono capolavori unici. Se ami la fotografia, di certo non puoi perdere l’opportunità di scattare qualche foto con questa illuminazione particolare!

11. Scala Elicoidale

Prospettiva dall’alto – Scala Elicoidale

Siamo quasi alla fine del nostro viaggio all’interno dei Musei Vaticani. Nella foto puoi vedere la Scala Elicoidale di Giuseppe Momo, ingegnere e architetto italiano che ha realizzato numerose opere in Piemonte e a Roma nella prima parte del novecento. La Scala Elicoidale è una delle scale più spettacolari e conosciute del mondo, un capolavoro di architettura che rende magica qualsiasi foto scattata dall’alto verso il basso e viceversa. Molti la vedono semplicemente l’uscita dai Musei Vaticani, io la vedo come un opera d’arte e architettura.

Per riuscire a scattare una foto unica, ti consiglio di aspettare che i turisti abbandonino la rampa, il che è quasi impossibile ma con un po’ di fortuna puoi riuscire nel tuo intento! Se insieme a te ci sono dei bambini, saranno sicuramente affascinati dalla particolarità della scala. Il consiglio che ti do una volta sceso, è quello di guardare in alto ed ammirare l’effetto particolare che viene dato da quella prospettiva.

Sono sicuro che ti piacerà! 🙂

12. Padiglione delle Carrozze

Berlina di Gran Gala

Siamo arrivati all’ultima tappa da vedere assolutamente prima di uscire dai Musei Vaticani: Il Padiglione delle Carrozze. Attenzione! Molte persone pensano che non ci sia nient’altro dopo la Scala Elicoidale, poiché consente di uscire dai Musei Vaticani. In realtà il Padiglione delle Carrozze è in una sezione distaccata ed è una delle sale che secondo me devi assolutamente vedere ai Musei Vaticani.

In questa sezione puoi ammirare carrozze e automobili che hanno utilizzato i Papi nel tempo. Quella che spicca più di tutte è la Berlina di Gran Gala, realizzata nella prima metà del XIX secolo e ora custodita in bella vista proprio in questo padiglione. Una curiosità è che nel secolo scorso, le case automobilistiche cercavano di far di tutto per donare le proprie auto, le migliori, oggi presenti proprio in questa enorme sala che puoi ammirare!

Questa era l’ultima tappa del nostro tour. Prima di concludere ti lascio qui in basso alcune informazioni sui biglietti e su come risparmiare negli ingressi 🙂


Info utili alla visita

Come prenotare la visita

Puoi prenotare la tua visita ai Musei Vaticani su questa pagina. Questo biglietto ti consente di visitare Musei Vaticani e Cappella Sistina ed avere l’accesso prioritario (salta coda). Te lo consiglio poiché a causa del periodo che stiamo vivendo è assolutamente consigliato prenotare la propria visita per poter garantire un maggior controllo degli accessi ai musei.

Con questo biglietto puoi avere anche un’audioguida per migliorare ancora di più la tua esperienza. Devi semplicemente selezionarla nel momento in cui prenoti la tua visita!

Tour e Giardini Vaticani

Sulla pagina di acquisto del biglietto puoi prenotarti anche per visitare i Giardini Vaticani con un tour di 45 minuti su un autobus scoperto. Questa zona immersa nel verde è curata in ogni minimo dettaglio. I giardini hanno una forte importanza per il Vaticano dato che permettono da secoli di regalare ai pontefici momenti di relax. Per questo ti consiglio di visitarli!

Se stai cercando un tour guidato dei Musei Vaticani, ti consiglio questo tour disponibile su GetYourGuide.

Come risparmiare sugli ingressi

Sai che esiste una tessera turistica che ti permette di risparmiare sui mezzi di trasposto, musei e siti archeologici a Roma e al Vaticano? Questa tessera è l’Omnia Card ed ho scritto questa guida a riguardo con tutto quello che devi sapere. Con questa tessera puoi avere:

  • Ingressi preferenziali ai Musei Vaticani, Basilica di San Pietro e Colosseo.
  • Tour in autobus turistico
  • Mezzi di trasporto gratuiti
  • Ingressi scontati nei musei che fanno parte del programma
  • Guida tascabile di Roma e del Vaticano

Per tutte le informazioni aggiornate e per l’acquisto, visita questa pagina.

Fine!

Spero che questa guida ti sia piaciuta! In questo sito cerco di guidare ogni turista di Roma nel migliore dei modi. Da anni visito Roma da romano e mi piace un sacco. Le cose da scoprire in questa città non mancano mai e quel che ti consiglio è di sfruttare al meglio il tempo che hai a disposizione per poter vedere più cose possibili, sia nella zona “Romana” che in quella “Vaticana”. Per tutte le informazioni aggiornate sui Musei Vaticani e sui biglietti, visita il sito ufficiale.

Se ti interessa, ho scritto queste due guide che potrebbero fare al caso tuo:

Se ti interessa, ho scritto questo ebook gratuito che può aiutarti a scoprire altre mete romane e non solo 🙂 Ti lascio qui in basso un form che ti permette di iscriverti a Rome Is Love e di scaricare questa guida!

Crediti Immagini: Unsplash, Pixabay

Ti ricordo che gli acquisti all’interno di questo sito o su piattaforme consigliate, sono a discrezione dell'utente. Ti invito a consultare tutte le informazioni relative ai prodotti/hotel consigliati sui siti dei rivenditori ufficiali. Le informazioni di questo sito potrebbero non essere aggiornate. Alcune attrazioni/hotel consigliate potrebbero non essere disponibili. Ti invito a consultare la pagina Disclaimer di questo sito.

Michele Bitetto

Sono un ingegnere informatico a cui piace raccontare la città di Roma, per questo ho deciso di aprire questo blog. Racconto come visitare la città, consiglio i migliori tour che puoi fare e come viverla al meglio!